Strutture antiviolenza

un ponte in città grafica di freepik.com

 

Le informazioni di questa pagina si riferiscono alle strutture antiviolenza presenti nell'area metropolitana veneziana, come censite dalla Regione Veneto  e periodicamente monitorate. Sono distinte in  Centri antiviolenza e Case rifugio di tipo A e di tipo B e rispettano le caratteristiche stabilite con legge regionale 23 aprile 2013 n. 5, come modificata dalla legge regionale n. 22/2018, nel rispetto della specifica normativa nazionale.  Sono finanziate con fondi nazionali e regionali, dedicati sia alle strutture sia alle attività di cura, sostegno e recupero e sono promosse da soggetti pubblici e/o privati: nel settore pubblico da enti locali singoli o associati; nel privato, singoli, associazioni  o organizzazioni con esperienza nel campo del contrasto al fenomeno. Entrambi i soggetti, pubblico e privato, possono eventualmente collaborare in concerto, intesa o in forma consorziata.

 

Il territorio metropolitano veneziano, con le sue 9 strutture sulle 53 totali,¬†detiene il 20,5% del patrimonio regionale censito e vede una copertura pari ad¬†¬†1 struttura ogni 48.492 donne residenti, inferiore alla media regionale posta a¬†46.970 (popolazione¬†Istat al 1¬į gennaio 2020).¬†Migliore la situazione a Vicenza e Belluno, che dispongono rispettivamente di 13 e 3¬†strutture;¬†in particolare Vicenza vanta il miglior rapporto tra strutture¬†e popolazione femminile residente¬†(1 ogni 33.332 donne¬†residenti), mentre Belluno raggiunge il miglior rapporto rispetto alle case rifugio (1 ogni 51.719 donne residenti, rispetto ad una media regionale a 92.201). In tabella la dotazione su base provinciale e metropolitana, aggiornata al 5¬†maggio 2021, approvata con deliberazione di giunta regionale, Dgr 537/2021. Nel novembre 2020 la Regione Veneto ha diffuso inoltre i dati relativi ai Centri per autori di violenza.¬†

 

STRUTTURE per area metropolitana/provinciale VE BL PD RO TV VI VR Totali
Centri antiviolenza 6 1 5 1 5 5 3 26
Case rifugio 3 2 7 1 3 8 3 27
totale 9 3 12 2 8 13 6 53
Centri di trattamento per autori di  violenza 2   1 1 1 1 1 7

 

I Centri antiviolenza aderiscono al numero gratuito di pubblica utilità 1522, numero antiviolenza e antistalking, (anche in versione per smartphone con il nome app1522)  istituito dal Dipartimento per le pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2006. Il numero è attivo 24 ore su 24 e rientra nella mappatura nazionale di registrazione degli accessi, raccolta e monitoraggio dei dati.
 

  


AREA METROPOLITANA

 

CENTRI ANTIVIOLENZA

Si tratta di strutture pubbliche o private che offrono accoglienza e sostegno alle donne vittime di violenza e loro figli/e minori, garantendo spazi dedicati e sicuri, in regime di anonimato e segretezza, secondo standard minimi di riferimento alle stesse strutture, ma anche a metodologie di intervento, caratteristiche del personale e tipologie di servizio, rispondenti alle direttive nazionali e internazionali sulla materia. L'accoglienza si basa sulla relazione tra donne. Servizi disponibili nei CAV: ascolto telefonico, colloqui preliminari, colloqui di sostegno psicologico, legale, informazioni sui servizi utili disponibili sul territorio, affiancamento della donna per il percorso di uscita dalla violenza (fonte: art. 3, LR 5/2013). Aggiornati al 08/05/2020

 

COMUNE STRUTTURA ente promotore  CONTATTI SPORTELLI GESTORE
Venezia Centro antiviolenza
del Comune di Venezia
Comune di Venezia 

[041] 2744222
366 9308389

email 

  • Sportello di Cannaregio
  • Sportello Lido di Venezia

email 2

Comune
di Venezia
Venezia

Estia - Spazio Iside
antiviolenza
 

 

Cooperativa sociale Iside

 

342 9757092
email

Cooperativa
sociale Iside

Noale Centro antiviolenza
Sonia
Cooperativa sociale Iside
 
349 2420066
email
  • Sportello di Mirano
Cooperativa
sociale Iside
Portogruaro Centro di ascolto
per la violenza di genere
"Città gentili"
L'Arco soc. cooperativa sociale 331 1310636
email
___ L'Arco società
cooperativa sociale
San Donà
di Piave

Centro antiviolenza
ed antistalking
"La Magnolia"

Fondazione Ferrioli e Bo onlus 0421 596104
email
  • Sportello di Jesolo
  • Sportello di Musile di Piave
Fondazione
Ferrioli e Bo
onlus
Chioggia Civico Donna Comune di Chioggia

800 195359
335 7352609
email 

  • Sportello di Cavarzere (email2)
Gruppo R società
cooperativa sociale

 

 

CASE RIFUGIO (di tipo A e B)

Sono strutture pubbliche e private in grado di offrire una dimora protetta alle donne e loro prole, vittime di violenza domestica, nell'ambito di un percorso personalizzato di uscita dalla violenza e di recupero della propria autonoma individualità. I servizi di sostegno, cura e recupero delle condizioni psichiche e fisiche delle vittime sono rivolti anche a chi non risiede nel Comune e alle vittime straniere, ai sensi dell'art. 4, LR 5/2013. Le "case rifugio" si distinguono in due tipologie: case rifugio A, alle quali "deve essere garantita la segretezza dell'ubicazione finalizzata alla sicurezza delle vittime di violenza"  e case rifugio B, per le quali la segretezza non è obbligatoria "al fine di poter facilitare un percorso di uscita dalla violenza e raggiungere l'autonomia delle ospiti". In ogni caso l'accesso a dette strutture avviene esclusivamente attraverso un Centro antiviolenza, anche su segnalazione dei servizi sociali e sanitari del territorio, delle forze dell'ordine o di un privato cittadino. Aggiornamento al 08/05/2021

 

STRUTTURA CONTATTI CAMERE GESTORE

Casa rifugio del Centro antiviolenza 
del Comune di Venezia - di tipo A

041 2744222
email 
 
3 Comune di Venezia
 
Casa di secondo livello del Centro antiviolenza
del Comune di Venezia - di tipo B
041 2744222
email
 
2 Comune di Venezia
Casa Rifugio Angolo di Paradiso - di tipo A

0421 596104
email

2 Fondazione Ferrioli e Bo onlus

 

Risorse collegate

 

Per saperne di pi√Ļ

‚Äč

ultimo aggiornamento: 11-05-2021