Il futuro del lavoro è in una società più sostenibile e attenta al prossimo

un momento del convegno

[05-10-2020] Un mondo del lavoro che cambia rapidamente, che vede altrettanto rapidamente scomparire alcuni mestieri per nuove occupazioni, che risente ancora fortemente della disparità di trattamento tra lavoratori e lavoratrici, che non può sottrarsi agli obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale. Queste le parole d'ordine uscite dal convegno Il Futuro Del Lavoro, Il Lavoro Del Futuro, svoltosi a Chioggia venerdì 2 ottobre, che ha visto dialogare il fronte cattolico e quello istituzionale delle politiche regionali per il lavoro, moderato dalla consigliera di parità metropolitana, Silvia Cavallarin

 

Un tema avvertito come cruciale da entrambi i fronti, rappresentati sul versante regionale da Tiziano Barone, direttore dell'agenzia Veneto Lavoro e da Santo Romano, direttore dell'area Capitale umano e cultura, a confronto con il vescovo di Treviso, monsignor Michele Tomasi

Tema cruciale anzitutto perché riguarda la domanda di signicato che chi lavora pone, in modo più o meno consapevole, al proprio lavoro ed è la domanda su cui forse può farsi più evidente il contatto tra lo spirituale e il tempo in cui viviamo, tra la fede e la norma. 

 

Il lavoro è direttamente collegato alle crisi macroeconomiche: quella del 2001 con la catastrofe delle Torri Gemelle, del 2008 con la crisi del mercato immobiliare, del 2011 con la crisi dei debiti sovrani e ora il 2020 della pandemia, che porta il bilancio in negativo sull'occupazione e fa contare al Veneto 53 mila posti in meno. Quale futuro per le famiglie in questo contesto? Che è quello di una crisi che presenta anche aspetti paradossali, che fotografano una società caratterizzata da un numero di non occupati superiore a quello di chi lavora e che purtuttavia vede consumi da società opulenta (dagli apericena, alle vetture di lusso, alle vacanze più volte l'anno, al dilagare di accessi alle palestre, di acquisti di dispositivi elettronici, ecc.) e nello stesso tempo vede il crollo del Pil  rispetto alla seconda metà del secolo scorso. Una società di contrasti e inquietudini, carica di incertezze per il futuro e di disperazioni.

 

Crisi che impattano soprattutto su giovani e donne, che connotano la nostra società per la precarietà e l'insostenibilità sociale a carico di queste e altre categorie sociali, vedi anche l'espulsione sistematica di over 50, come la polarizzazione tra qualifiche basse e sfruttate e quelle alte, su cui le politiche sovranazionali profilano, tra utopia e realtà, interventi di risposta: dagli strumenti per la conciliazione vita e lavoro, all'avvento dell'economia green e digitale, per un cambio di passo e di approccio. Come sarà il lavoro del futuro? Diverso, con oltre il 15% dei lavori di oggi scomparsi nel giro di una generazione, ma diverso anche nel rapporto con il datore di lavoro (o il detentore dei capitali e dei mezzi di produzione) e con il senso della propria professione.


Certo, dice monsignor Tomasi, tutto questo non c'era prima dell'avvento industriale del primo Ottocento: non c'era un mercato del lavoro, non c'erano i tassi di occupazione e disoccupazione, né la società divisa in consumatori e lavoratori, entrambi tuttavia accomunati da insoddisfazione e conflitto e dalla rincorsa verso obiettivi arrivabili mai. Il bisogno e il senso di significato erano e sono altro, nella fede come nel lavoro. Il senso è nella dimensione collettiva o prossima, nel dono di una parte del proprio tempo e della propria attività a chi ne ha bisogno, al benessere della comunità, mentre la dimensione accentuata da questa modernità è quella di lavorare per il proprio specifico interesse, in una forma sterile di produttività e di professionismo.

 

Se la risposta del prelato risiede nel "lavorare per", cioè nel lavoro come partecipazione e  sostegno della collettività, in grado di plasmare il senso della propria esistenza oltre lo sfruttamento o l'asservimento, per il laico e per le politiche del lavoro, diventa in definitiva un "lavorare come": come soggetto pensante, con forte senso critico e forte dispiegamento di capacità creative, caratteri forieri di un approccio collaborativo e non gerarchico. Una distanza forse incolmabile fra i due fronti, ma certamente dialogante e osmotica. 

 

L'incontro, terminato alle 18, ha avuto pubblico attento e numeroso, nel rispetto delle distanze determinate dalle misure anti-Covid, nella splendida cornice della Pinacoteca della SS. Trinità di Chioggia

L'iniziativa è stata promossa dalla Unione giuristi cattolici italiani della sede di Chioggia intitolata al beato Antonio Rosmini, neonata struttura presieduta da Federico Griguolo, che ha aperto i lavori. Patrocinata dalla Diocesi di Chioggia, dall'Ordine di Malta per il Gran priorato Lombardia e Veneto e dalla Facoltà di diritto canonico San Pio X, con il sostegno della Banca Patavina.

 

 

Foto: un momento del convegno, con il vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi e la consigliera di parità Silvia Cavallarin

 

 

 

CERCA PER ARGOMENTI

non categorizzato (4) 11 ottobre (6) 25 novembre (19) 8 marzo (6) alleanze per la famiglia (15) antiviolenza (50) asili nido (3) attività consigliera (61) azioni positive (32) bambine ragazze (9) bandi (42) centri uomini autori violenza (2) certificazione di parità di genere (5) commissione pari opportunità (7) conciliazione (49) congedi parentali (11) consigliera di fiducia (3) consigliere di parità (16) coronavirus (25) cug comitato unico di garanzia (9) dimissioni maternità paternità (6) diritti umani (9) discriminazione (8) discriminazioni sul lavoro (46) divario di genere (41) divario retributivo (20) elezioni (12) enti locali (98) equamente al lavoro (4) families share (3) femminismo (4) formazione (52) gender pay gap (18) imprenditoria femminile (23) indifesa (3) infografica (11) innovandove (10) ispettorato del lavoro (15) maltrattanti (9) maternità paternità (28) mercato del lavoro (42) normativa (31) occupazione (32) one billion rising (1) pari opportunità (40) parità (13) pon scuola (7) premio lucia bartolini (11) previdenza sociale (3) progetto pari (3) pubblica amministrazione (16) quote rosa (3) regione veneto (101) responsabilità sociale impresa (14) scuola (25) sentenza (1) sessismo (1) smart working lavoro agile (14) spisal (4) sportello donne al lavoro (6) stem (10) stereotipi (2) strutture antiviolenza (46) sviluppo sostenibile (3) tratta esseri umani (3) università (16) violenza sulle donne (74) vittime violenza (21) welfare (26) welfare aziendale (23)