picomedonna, il corso di comunicazione politica al rush finale

ultima lezione del corso: da sin. Martina Carone,Silvia Cavallarin, Anna Brondino

[20-03-2023] Terza e ultima lezione, domani, martedì 21 marzo, sempre con orario 17-19, per il corso di comunicazione politica nato sotto il segno "p come donna | strumenti per un ruolo sostanziale della donna in politica" e giunto alla seconda edizione, in cui si parla di strategia e marketing elettorale tra vecchi e nuovi media (TV, stampa, digitale). Il corso si svolge, in presenza, a Mestre, presso il Centro servizi della Città metropolitana di Venezia, o, in alternativa, in videoconferenza. 

 

L'ultimo incontro si focalizzerà sulle reti sociali, i media per eccellenza degli ultimi 15 anni, d'importanza fondamentale anche nell'ambito della comunicazione politica ed elettorale, in grado di creare dal nulla, come di distruggere in un post o in una foto, il personaggio. Titolo della lezione è "Imparare dagli errori, prendersi dei rischi" e per Martina Carone, apprezzatissima docente del corso, questo significa conoscere le trappole di questi media: disinformazione e fake news, insulti, troll e leoni da tastiera. 

 

Ospite speciale, testimonial diretta di attività politica, sarà stavolta l'onorevole Martina Semenzato, originaria di Spinea e membro della Camera dei deputati dalle ultime legislative del 2022. 

 

Partecipatissimo il corso con le sue oltre 90 iscrizioni, di cui il 48% proveniente dal mondo della politica (consiglio, giunta o altri organismi degli enti locali), l'11% dalla scuola (un target fortemente voluto dalle organizzatrici), il 16% dall'associazionismo, il restante 25% dal mondo del lavoro e della società civile. L'iniziativa, come noto promossa dalla collaborazione tra Consigliera di parità metropolitana e Cif (Centro italiano femminile) provinciale di Venezia, è stata creata per aumentare la partecipazione delle donne alle campagne elettorali anche in vista delle prossime amministrative, previste tra il 14 e il 15 maggio 2023. Nonostante il corso non intendesse rivolgersi alle sole donne, di certo la loro presenza è stata davvero schiacciante (93%). 

 

Per saperne di pi√Ļ¬†visita questa pagina del sito

 

foto: ultima lezione, da sin.: Martina Carone, Silvia Cavallarin, Anna Brondino

 

ultimo aggiornamento: 28-03-2023

 

 

 

CERCA PER ARGOMENTI

non categorizzato (4) 11 ottobre (6) 25 novembre (19) 8 marzo (6) alleanze per la famiglia (15) antiviolenza (50) asili nido (3) attività consigliera (61) azioni positive (32) bambine ragazze (9) bandi (42) centri uomini autori violenza (2) certificazione di parità di genere (5) commissione pari opportunità (7) conciliazione (49) congedi parentali (11) consigliera di fiducia (3) consigliere di parità (16) coronavirus (25) cug comitato unico di garanzia (9) dimissioni maternità paternità (6) diritti umani (9) discriminazione (8) discriminazioni sul lavoro (46) divario di genere (41) divario retributivo (20) elezioni (12) enti locali (98) equamente al lavoro (4) families share (3) femminismo (4) formazione (52) gender pay gap (18) imprenditoria femminile (23) indifesa (3) infografica (11) innovandove (10) ispettorato del lavoro (15) maltrattanti (9) maternità paternità (28) mercato del lavoro (42) normativa (31) occupazione (32) one billion rising (1) pari opportunità (40) parità (13) pon scuola (7) premio lucia bartolini (11) previdenza sociale (3) progetto pari (3) pubblica amministrazione (16) quote rosa (3) regione veneto (101) responsabilità sociale impresa (14) scuola (25) sentenza (1) sessismo (1) smart working lavoro agile (14) spisal (4) sportello donne al lavoro (6) stem (10) stereotipi (2) strutture antiviolenza (46) sviluppo sostenibile (3) tratta esseri umani (3) università (16) violenza sulle donne (74) vittime violenza (21) welfare (26) welfare aziendale (23)