Cavallarin: "Parità e conciliazione, fattori di sviluppo produttivo"

Silvia Cavallarin

16-02-2017 - All'indomani del suo insediamento nella sede della Citt√† metropolitana di Venezia, la Consigliera di parit√† Silvia Cavallarin inquadra le strategie¬†e le priorit√† che saranno alla base delle attivit√† di mandato:¬†‚ÄúI¬†temi della parit√†, delle pari opportunit√† e della conciliazione escono da un‚Äôottica riduttiva di ricerca di soluzioni¬†per esigenze e bisogni personali del soggetto femminile, per divenire fattori di innovazione del sistema produttivo e del tessuto sociale, elementi essenziali di un sistema integrato di politiche imprenditoriali, sociali, di sviluppo, pi√Ļ rispondenti sia alle esigenze di crescita e di competitivit√† del territorio".¬†
 

"La sfida √®, allora - prosegue la Consigliera - quella di giungere all‚Äôindividuazione di strumenti e metodologie che, operando a favore e in forma esplicita per l‚Äôuguaglianza di genere, operino per eliminare differenze e discriminazioni, superando ottiche settoriali e non comunicanti fondate su quella falsa idea che interpreta l‚Äôuguaglianza di opportunit√† esclusivamente come superamento di situazioni di svantaggio dello "specifico femminile".¬†Questo significa realizzare e sollecitare una sensibilit√† alla promozione e alla diffusione di una cultura di parit√† come strategia di responsabilit√† sociale attraverso il miglioramento della qualit√† del lavoro e della vita per tutti, indicando come utile e vantaggiosa l‚Äôattenzione alla parit√† e l‚Äôadozione di un modello non solo di ‚Äúresponsabilit√† di genere‚ÄĚ, ma anche di ‚Äúgovernance responsabile della parit√†‚ÄĚ, importante sar√† perci√≤ il coinvolgimento delle imprese del territorio".¬†
 

Si impone dunque, secondo la Consigliera, un cambio di mentalità: "La specificità di rivolgersi alla componente femminile significa, allora, considerare le donne non come un gruppo a sé  ma come soggetti che devono poter partecipare insieme e con la stessa dignità degli altri alla vita pubblica, sociale, civile, economica, in un quadro complessivo di pari opportunità per tutti".
 

A dimostrazione di quanto dichiarato, Silvia Cavallarin richiama le ultime novità introdotte dalla legge di stabilità 2017 in materia di ricollocazione nel mondo del lavoro.  Tra gli incentivi all’assunzione è stato infatti confermato e prorogato anche il bonus per i datori di lavoro del settore privato che diano occupazione a donne di qualsiasi età, disoccupate, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi. 
 

Requisito che scende a sei mesi nel caso in cui l’assunzione riguardi donne disoccupate residenti in aree svantaggiate individuate dalla Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale per il periodo 2014-2020 (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e alcune zone specifiche di Emilia Romagna, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Sardegna, Toscana, Valle d’Aosta, Veneto, Abruzzo, Molise, Lazio, Liguria, Lombardia), oppure se l’assunzione avviene in particolari settori economici caratterizzati da un’accentuata disparità occupazionale di genere. 
 

L’agevolazione spettante al datore di lavoro del settore privato si traduce in uno sgravio contributivo pari al 50%:

  • per¬†12 mesi¬†in caso di contratto¬†tempo determinato;
  • per¬†18 mesi¬†in caso di assunzioni a¬†tempo indeterminato;
  • fino al¬†18¬į mese¬†dalla data di assunzione in caso di¬†trasformazione del contratto¬†da tempo determinato a indeterminato.
    ‚Äč

Per fruire del beneficio √® necessario presentare apposita¬†domanda di ammissione¬†compilando ed inviando per via telematica, prima della denuncia contributiva, il modulo disponibile nel ‚ÄúCassetto previdenziale aziendale‚ÄĚ presente sul sito Inps. L‚ÄôIstituto, una volta ricevuta la domanda, verificher√† la presenza dei requisiti e quindi conceder√† il bonus.
 

 

Link correlati

pmi.it: conciliazione lavoro-famiglia troppo difficile in Italia