Regione Veneto, prima rilevazione strutture per autori violenza di genere

accesso alla struttura per genere

[18-02-2020] La Regione Veneto ha avviato in questi giorni il monitoraggio annuale delle strutture antiviolenza del territorio, con una importante novità. Per la prima volta infatti sono stati chiamati alla conta anche i Centri per il trattamento di uomini autori di violenza, strutture meno note ma certamente complementari - nella lotta al fenomeno della violenza sulle donne - ai Centri antiviolenza e alle case rifugio ad indirizzo segreto, destinate alle sole donne.

 

Si tratta di un significativo passaggio nelle attività regionali dedicate a questo settore, che si inserisce nelle linee guida nazionali e internazionali, in particolare nell'attuazione della Convenzione di Istanbul del 2011, primo strumento normativo internazionale vincolante per gli stati membri, nella costruzione di un'azione omogenea di prevenzione e protezione delle vittime e di perseguimento degli autori di violenza. 

 

Per partecipare al monitoraggio dei Centri di trattamento per autori di violenza veneti è richiesta la compilazione di una scheda, a cura del soggetto gestore del servizio, dove sono raccolte numerose informazioni, come per esempio, in quale rete antiviolenza il centro è inserito, le figure professionali che vi operano, il metodo di lavoro applicato, lle attività offerte. Sono inoltre richiesti dati circa i servizi offerti (ascolto telefonico, colloqui individuali, con esperti, in gruppo e con le proprie relazioni affettive) e l'utenza servita. La scheda va compilata e inviata alla direzione regionale competente entro il 15 marzo prossimo

 

Per quanto riguarda le strutture dei centri antiviolenza e delle case rifugio, il cui monitoraggio è attivo ormai dal 2014, sono in corso con le seguenti scadenze di trasmissione all'ufficio competente: 

  • entro il 28 febbraio per l'articolazione organizzativa;
  • entro il 30 aprile per la rilevazione dati dell'utenza.

 

 

Per saperne di più